pace e guerraugo WebSolutions.it ORA IN SILENZIO GENOVA

 

 TUTTI I MERCOLEDI' dalle ore 18 alle 19 in piazza De Ferrari sugli scalini di palazzo Ducale 

 

   

LA NAVE DELLA MORTE BAHRI ABHA NEL PORTO DI GENOVA ZEPPA DI ARMI E DI ESPLOSIVI.

A fine mese arriva a Ponte Eritrea la nave Bahri Hofuf con il consueto carico di armi e esplosivi di cui non viene data alcuna pubblicità da parte delle Autorità, a dispetto delle preoccupazioni legittime di gruppi e associazioni civili circa la legalità dei trasporti verso aree di guerra civile bandite dalle istituzioni internazionali e di gruppi di residenti prospicienti il porto circa la loro sicurezza circa il rischio di esplosioni dovute anche alla prossimità di depositi chimici. Occorre fare giungere al Presidente dell'Autorità di sistema portuale del Mare Ligure occidentale Paolo Emilio Signorini, entro venerdì, delle istanze - da parte di tutte le associazioni, partiti, sindacati, gruppi di cittadini interessati a questa vicenda - per chiedere che sia fatto un sopralluogo accurato del carico della nave da parte del personale ispettivo e sia data pubblicità all'esito del sopralluogo. Contemporaneamente l'associazione Weapon Watch ha rivolto alla stessa AdSP una richiesta formale di accesso agli atti per conoscere i carichi delle navi Bahri transitati nel porto di Genova e di prossimo transito. Prego di procedere tempestivamente, se d'accordo, e di informare della vostra iniziativa.

Mare nostro che non sei nei ciel

e abbracci i confini dell'isola e del mondo

 sia benedetto il tuo sale

 e sia benedetto il tuo fondale

 accogli le gremite imbarcazioni

 senza una strada sopra le tue onde

 pescatori usciti nella notte

 le loro reti tra le tue creature

 che tornano al mattino

 con la pesca dei naufraghi salvati

  Mare nostro che non sei nei cieli

 all'alba sei colore del frumento

 al tramonto dell'uva di vendemmia,

 Che abbiamo seminato di annegati

 più di qualunque età delle tempeste

 tu sei più giusto della terra ferma

 pure quando sollevi onde a muraglia

 poi le riabbassi a tappeto

 custodisci le vite, le visite cadute

 come foglie sul viale

 fai da autunno per loro

 da carezza, da abbraccio, da bacio in fronte

 di padre e di madre prima di partire

Erri De Luca

 Lampedusa 2 ottobre 2014 - da Agorà speciale Rai3, 3 ottobre 2014

 

   
 

 

  

Padre Zanotelli: "Dobbiamo far aderire l'Italia al Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari"

"Sarebbe un gesto di civiltà avere il coraggio di realizzare il disarmo nucleare per porre fine a diseguaglianze e sfruttamento", ha dichiarato il missionario comboniano, che ha aggiunto: ''Le armi atomiche, come disse Oppenheimer, sono la scienza che ha conosciuto il peccato'..leggi tutto
23 gennaio 2021
Antimafia Duemila

 

Riflessioni su Hiroschima e Nagasak

di Roberto Gardellii

.leggi tutto

   
 

leggi tutto

I manifesti di Niamey

Le lettere di padre. Mauro Armanino

leggi tutto

 

 

 

GUERRE IN CORSO

uno sguardo tra i conflitti del mondo

69 Stati e 824 gruppi e milizie coinvolti leggi tutto